CBD.it

CBD contro il dolore cronico

Indholdsfortegnelse

Utilizzare l’olio di CBD per la gestione del dolore: funziona?

Il cannabidiolo (CBD) è un tipo di cannabinoide, una sostanza chimica presente naturalmente nelle piante di cannabis (marijuana e canapa). Il CBD non provoca la sensazione di “sballo” spesso associata alla cannabis. Questa sensazione è causata dal tetraidrocannabinolo (THC), un altro tipo di cannabinoide.

Alcune persone affette da dolore cronico utilizzano prodotti topici a base di CBD, in particolare l’olio di CBD, per gestire i sintomi. L’olio di CBD può ridurre:

  • dolore
  • infiammazione
  • disagio generale legato a una serie di condizioni di salute

La ricerca sui prodotti a base di CBD e sulla gestione del dolore è stata promettente.

Il CBD può offrire un’alternativa alle persone che soffrono di dolore cronico e sono dipendenti da farmaci, come gli oppioidi, che possono creare dipendenza e causare molteplici effetti collaterali. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per verificare i benefici dell’olio di CBD e di altri prodotti per alleviare il dolore.

L’Epidiolex, un farmaco prescritto per l’epilessia, è l’unico prodotto a base di CBD sul mercato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA).

Non esistono prodotti a base di CBD non soggetti a prescrizione medica approvati dalla FDA. Non sono regolamentati per quanto riguarda la purezza e il dosaggio come gli altri farmaci.

Continuate a leggere per saperne di più sui potenziali benefici dell’uso del CBD per il dolore. Potete anche parlare con il vostro medico per vedere se questa è un’opzione per la vostra condizione.

CBD per alleviare il dolore cronico

Tutti hanno un sistema di segnalazione cellulare noto come sistema endocannabinoide (ECS).

Alcuni ricercatori ritengono che il CBD interagisca con un componente fondamentale dell’ECS: i recettori endocannabinoidi nel cervello e nel sistema immunitario.

I recettori sono piccole proteine attaccate alle cellule. Ricevono segnali, per lo più chimici, da vari stimoli e aiutano le cellule a rispondere.

Questa reazione genera effetti antinfiammatori e antidolorifici che contribuiscono alla gestione del dolore. Ciò significa che l’olio di CBD e altri prodotti possono essere utili per le persone con dolore cronico, come il mal di schiena cronico.

Una revisione del 2018 ha valutato l’efficacia del CBD nell’alleviare il dolore cronico. La revisione ha preso in esame le indagini condotte tra il 1975 e il marzo 2018. Questi studi hanno esaminato diversi tipi di dolore, tra cui:

  • dolore da cancro
  • dolore neuropatico
  • fibromialgifibromialgia

Sulla base di questi studi, i ricercatori hanno concluso che il CBD è efficace per la gestione del dolore in generale e non provoca effetti collaterali negativi.

CBD per alleviare il dolore dell’artrite

Uno studio del 2016 ha esaminato l’uso del CBD nei ratti affetti da artrite.

I ricercatori hanno utilizzato il gel di CBD sui ratti per quattro giorni consecutivi. I ratti hanno ricevuto 0,6, 3,1, 6,2 o 62,3 milligrammi (mg) al giorno. I ricercatori hanno notato una riduzione dell’infiammazione e del dolore generale nelle articolazioni colpite dei topi. Non ci sono stati effetti collaterali evidenti.

I ratti a cui sono state somministrate basse dosi di 0,6 o 3,1 mg non hanno migliorato i punteggi del dolore. I ricercatori hanno scoperto che 6,2 mg al giorno erano una dose sufficientemente alta per ridurre il dolore e il gonfiore dei topi.

Inoltre, i ratti a cui sono stati somministrati 62,3 mg/die hanno avuto risultati simili a quelli a cui sono stati somministrati 6,2 mg/die. La somministrazione di una dose significativamente più elevata non ha comportato una riduzione del dolore.

Gli effetti antinfiammatori e antidolorifici del gel di CBD possono potenzialmente aiutare le persone affette da artrite. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi sull’uomo.

CBD per il sollievo dal trattamento del cancro

Anche alcune persone affette da cancro fanno uso di CBD. Una ricerca sui topi ha dimostrato che il CBD può portare alla riduzione dei tumori cancerosi. Tuttavia, la maggior parte degli studi sull’uomo ha analizzato il ruolo del CBD nella gestione del dolore legato al cancro e al trattamento del cancro.

Il National Cancer Institute (NCI) Trusted Source ha indicato il CBD come una possibile opzione per ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia, come ad esempio:

  • dolore
  • vomito
  • mancanza di appetito

In uno studio del 2010 sul dolore legato al cancro, i soggetti hanno ricevuto spray orali contenenti una combinazione di estratto di THC-CBD. L’estratto di THC-CBD è stato utilizzato insieme agli oppioidi. Questo studio ha dimostrato che l’uso dell’estratto ha fornito un sollievo dal dolore più efficace rispetto all’uso dei soli oppioidi.

Uno studio del 2013 sugli spray orali a base di THC e THC-CBD ha dato un risultato simile. Molti ricercatori dello studio del 2010 hanno lavorato anche a questo studio. Sono necessarie ulteriori prove.

CBD per alleviare l’emicrania

Gli studi su CBD ed emicrania sono limitati. Gli studi attualmente esistenti esaminano anche il CBD quando è abbinato al THC, non quando è usato da solo.

Tuttavia, i risultati di uno studio del 2017 indicano che il CBD e il THC possono portare a un dolore meno acuto e meno intenso per le persone affette da emicrania.

In questo studio in due fasi, alcuni partecipanti hanno assunto una combinazione di due composti. Un composto conteneva il 9% di CBD e quasi nessun THC. Il secondo composto conteneva il 19% di THC. Le dosi sono state assunte per via orale.

Nella fase I, non è stato riscontrato alcun effetto sul dolore quando le dosi erano inferiori a 100 mg. Quando le dosi sono state aumentate a 200 mg, il dolore acuto è diminuito del 55%.

Nella Fase II, i partecipanti che hanno ricevuto la combinazione di composti di CBD e THC hanno visto diminuire la frequenza dei loro attacchi di emicrania del 40,4%. La dose giornaliera era di 200 mg.

La combinazione di composti è risultata leggermente più efficace di 25 mg di amitriptilina, un antidepressivo triciclico. L’amitriptilina ha ridotto gli attacchi di emicrania del 40,1% nei partecipanti allo studio.

Anche i partecipanti con cefalea a grappolo hanno trovato sollievo dal dolore con la combinazione di composti di CBD e THC, ma solo se avevano una storia infantile di emicrania.

Effetti collaterali del CBD

Il CBD non comporta rischi significativi per i consumatori e la maggior parte dei prodotti CBD attuali non entra nel flusso sanguigno.

Tuttavia, sono possibili alcuni effetti collaterali, come:

  • fatica
  • diarrea
  • variazioni dell’appetito
  • variazioni di peso

Il CBD può interagire con:

  • alcuni farmaci da banco (OTC).
  • farmaci su prescrizione
  • Supplementi

Procedete con cautela se i vostri farmaci o integratori contengono un'”avvertenza sul pompelmo”. Il pompelmo e il CBD interferiscono entrambi con gli enzimi essenziali per il metabolismo.

Come altri farmaci e integratori, anche il CBD può aumentare il rischio di tossicità epatica.

Uno studio sui topi ha concluso che l’estratto di cannabis ricco di CBD ha aumentato il rischio di tossicità epatica. Tuttavia, ad alcuni topi erano state somministrate forzatamente quantità molto elevate di estratto di cannabis ricco di CBD.

Conclusione

Sebbene non esistano dati conclusivi a sostegno del CBD o dell’olio di CBD come metodo preferito per il trattamento del dolore, i ricercatori concordano sul fatto che questi tipi di prodotti hanno un grande potenziale.

I prodotti a base di CBD possono offrire sollievo a molte persone affette da dolore cronico, senza causare intossicazione e dipendenza da farmaci.

Se siete interessati a provare il CBD per il dolore cronico, parlatene con il vostro medico. Possono aiutarvi a determinare la dose iniziale più adatta a voi.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo