CBD.it

CBD contro il PTSD

Indholdsfortegnelse

Il cannabidiolo (CBD) è uno dei composti attivi della pianta di cannabis. Può aiutare a ridurre e gestire i sintomi del disturbo post-traumatico da stress (PTSD) sia in forma corrente che consumata.

Secondo Frontiers in Neuroscience, il PTSD è una condizione di salute mentale a lungo termine che le persone possono sviluppare dopo aver vissuto un evento traumatico. Circa il 10% delle persone sperimenta il disturbo da stress post-traumatico a un certo punto della propria vita.

Alcune persone possono avere problemi a dormire, rivivere ripetutamente l’evento e sperimentare depressione e ansia.

Sebbene esistano diversi trattamenti per il PTSD, è sempre più evidente che il CBD può aiutare le persone a gestire i sintomi.

In questo articolo si parlerà della ricerca su CBD e PTSD, delle migliori forme e varietà di CBD, dei rischi e degli effetti collaterali e di altri trattamenti alternativi.

Il CBD può trattare il PTSD?

Una revisione della letteratura del 2019 su cannabis medica, cannabinoidi sintetici e PTSD ha rilevato che il CBD può aiutare ad alleviare i sintomi. Tuttavia, conclude che gli scienziati devono ancora condurre ulteriori ricerche sui suoi usi terapeutici, sulla sua efficacia e sulla sua sicurezza.

Alcuni studi suggeriscono che l’assunzione di CBD subito dopo un evento traumatico può rendere più difficile per il cervello la formazione dei ricordi che in seguito possono svilupparsi e causare i sintomi del PTSD.

Uno studio del 2016 ha trovato prove che i farmaci che agiscono sul sistema endocannabinoide possono ridurre i sintomi che una persona con PTSD sperimenta dopo una procedura di cancellazione della memoria. Questo perché il sistema endocannabinoide, che comprende i recettori del CBD, può influenzare l’ansia e la memoria, due fattori che svolgono un ruolo significativo nel PTSD.

La cancellazione della memoria in senso avversivo è un processo terapeutico in cui una persona, sotto la guida di un terapeuta, sperimenta situazioni simili a quelle che hanno portato ai sintomi del PTSD, senza gli stimoli traumatici.

I ricercatori non hanno ancora chiaro perché il CBD funzioni come trattamento per il PTSD. Ma secondo Frontiers in Neuroscience, è possibile che il CBD possa influenzare l’amigdala e l’ippocampo del cervello. Nell’articolo si osserva che le persone affette da PTSD hanno un’amigdala iperattiva, che può esacerbare i sintomi. Il CBD può far crescere l’ippocampo e ridurre l’iperattività dell’amigdala.

Qual è la forma migliore di CBD per il PTSD?

Diversi studi che utilizzano diverse forme di CBD stanno verificando se il CBD sia un trattamento efficace per il PTSD. Alcuni studi utilizzano il CBD per uso topico, come gli oli, mentre altri studi utilizzano il CBD commestibile, come le caramelle gommose. Alcuni studi che hanno esaminato le diverse forme di CBD hanno rilevato le seguenti informazioni:

  • Capsule di CBD: uno studio del 2019 ha rilevato che le persone affette da PTSD che hanno assunto capsule di CBD insieme alla consulenza tradizionale hanno visto una riduzione dei sintomi.
  • Olio di CBD: uno studio del 2016 ha rilevato che l’olio di CBD applicato sulla pelle ha trattato efficacemente l’ansia e i problemi di sonno in un bambino con PTSD.
  • CBD con THC: una revisione della letteratura del 2018 suggerisce che una combinazione di tetraidrocannabinolo (THC) e CBD può aiutare a trattare i sintomi del PTSD.

Tuttavia, il THC ha effetti collaterali più gravi del CBD. Secondo un articolo del 2016 dell’European Journal of Pain, gli studi più vecchi suggeriscono un aumento del rischio di sviluppare psicosi e schizofrenia. I ricercatori dovrebbero condurre ulteriori studi per determinare se i prodotti a base di CBD contenenti THC siano un trattamento sicuro e appropriato per il PTSD.

Le persone con una storia familiare di psicosi o schizofrenia dovrebbero discutere con un medico l’uso di prodotti a base di CBD, soprattutto se contengono anche THC.

Come scegliere

Le seguenti considerazioni possono aiutare una persona a trovare il CBD migliore per i sintomi del PTSD:

  • Problemi specifici: i sintomi del PTSD possono includere difficoltà a dormire, dolore cronico e ansia. Diversi prodotti possono aiutare con sintomi diversi, quindi una persona può scegliere quello più appropriato.
  • Metodo di somministrazione: le persone possono valutare se preferiscono una crema, una tintura o un’opzione commestibile per il loro CBD. Tutte le forme hanno tassi di assorbimento diversi.
  • Contenuto di THC: alcune persone possono preferire prodotti che non contengono THC. Il limite legale è dello 0,3% di THC in peso secco, quindi i prodotti non dovrebbero mai superare questa quantità.
  • COA: le aziende devono dare prova di trasparenza e mostrare le loro COA online. I singoli individui dovrebbero cercare i COA quando acquistano i loro prodotti.

Rischi ed effetti collaterali

Il CBD ha pochi effetti collaterali rispetto ad altri cannabinoidi, come il THC. Tuttavia, l’uso del CBD può comportare alcuni effetti collaterali e maggiori rischi. Queste includono Trusted Source:

  • sonnolenza e sonnolenza
  • pensieri e comportamenti suicidi
  • le persone con una storia di disturbi da uso di alcol o di sostanze possono trovare il THC assuefacente
  • reazioni allergiche
  • per evitare danni al fegato, si dovrebbe procedere con cautela nell’uso del CBD con alcuni farmaci, come il valproato

La maggior parte delle interazioni farmacologiche segnalate avviene attraverso l’azione degli enzimi del metabolismo dei farmaci, come il citocromo P450 (CYP450). Il P-450 è coinvolto nel metabolismo di diversi cannabinoidi esogeni, tra cui il CBD e il THC, come dimostrano i dati clinici sul metabolismo del THC e del CBD.

Alternative al trattamento del PTSD

I metodi più tradizionali di trattamento del PTSD comprendono i farmaci e la psicoterapia.

Secondo il National Institute of Mental Health (NIMH) Trusted Source, i farmaci includono gli antidepressivi, che possono aiutare a controllare i sintomi della depressione e dell’ansia. I medici possono anche prescrivere farmaci per aiutare le persone a dormire e a ridurre gli incubi.

Altre terapie comprendono la psicoterapia o la logopedia, che di solito durano 6-12 settimane. Le persone affette da PTSD possono trarre beneficio dalla terapia cognitivo-comportamentale (CBT). La CBT può includere la terapia di cancellazione della memoria (esposizione).

È inoltre dimostrato che l’Eye Movement Desensitisation and Reprocessing (EMDR) è efficace anche nel trattamento del PTSD e dei disturbi legati al trauma, agendo sulla disregolazione del processo di apprendimento dei ricordi avversivi.

Il NIMH afferma inoltre che le persone possono anche cercare di gestire i sintomi a casa. Le persone possono partecipare a gruppi di sostegno, praticare una leggera attività fisica per ridurre lo stress e fissare obiettivi realistici da suddividere in tappe gestibili.

Quando contattare un medico

Se una persona presenta sintomi di PTSD che durano per un mese o più, che interferiscono con la sua capacità di lavorare o che interferiscono con le relazioni personali, dovrebbe contattare un medico per discutere le opzioni di trattamento. I sintomi possono comprendere:

  • problemi di sonno
  • essere al limite
  • flashback
  • brutti sogni
  • pensieri spaventosi
  • cerca di evitare luoghi, oggetti e altri ricordi dell’esperienza traumatica
  • emozioni distorte

Domande frequenti

Di seguito sono riportate alcune domande comuni sul CBD per il PTSD.

Quando è il momento migliore per assumere CBD per aiutare il PTSD?

Il momento in cui una persona dovrebbe assumere il CBD dipende dal motivo per cui lo sta assumendo. Secondo i produttori, una persona che assume CBD per alleviare i problemi del sonno dovrebbe assumerlo circa un’ora prima di andare a letto. I soggetti possono applicare altri prodotti, come creme per il corpo, dopo il bagno.

Quale dose di CBD è migliore per aiutare il PTSD?

La ricerca sulla dose ottimale di CBD è in corso e le indicazioni indicano variazioni in base a diversi fattori. Questi fattori possono includere le caratteristiche fisiche della persona e la patologia che si desidera trattare. Molti produttori suggeriscono una dose minima di base che una persona può regolare in base alla propria esperienza.

È sicuro usare il CBD quotidianamente?

I primi studi e le prove aneddotiche suggeriscono che l’uso quotidiano di CBD è sicuro. Se una persona intende fare uso di CBD, dovrebbe prima discuterne con il proprio medico o con un operatore sanitario.

Conclusione

Il PTSD è un disturbo mentale a lungo termine che le persone possono sviluppare dopo aver vissuto un evento traumatico.

Sebbene siano disponibili diversi trattamenti tradizionali, come farmaci e terapie, le prove suggeriscono che il CBD può anche aiutare nella gestione dei sintomi, come la riduzione della fatica e dello stress e la promozione di un sonno ristoratore.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo