CBD.it

CBD contro la fibromialgia

Indholdsfortegnelse

Come può il CBD aiutare la fibromialgia?

Il cannabidiolo (CBD) è un olio derivato dalla cannabis. Un numero crescente di ricerche suggerisce che il CBD può aiutare le persone affette da fibromialgia.

La fibromialgia è una condizione caratterizzata da dolore cronico. Gli studi suggeriscono che il CBD può aiutare ad alleviare il dolore e l’infiammazione, quindi i ricercatori stanno studiando i suoi effetti sui sintomi della fibromialgia.

Per esempio, una revisione del 2020 conclude che, sebbene le prove attuali siano ancora limitate, i nuovi dati suggeriscono che la cannabis può avere un effetto positivo sulla fibromialgia.

Sebbene il CBD sia promettente come rimedio per questa patologia, la ricerca non ha ancora dimostrato che sia sicuro ed efficace, e la Food and Drug Administration (FDA) non ha approvato il CBD per il trattamento della fibromialgia o di altre forme di dolore.

Tuttavia, il CBD è ancora una scelta popolare. In questo articolo si analizzeranno i motivi per cui il CBD può alleviare il dolore della fibromialgia. Inoltre, ne verranno analizzati gli usi più efficaci e alcuni potenziali effetti collaterali.

Il CBD è uguale alla cannabis?

In breve, il CBD non è la stessa cosa della cannabis.

Il CBD è uno degli oltre 100 cannabinoidi provenienti dalla pianta di cannabis. Un altro composto della cannabis, chiamato tetraidrocannabinolo (THC), è responsabile della produzione dello sballo.

Nella maggior parte dei casi, l’olio di CBD in commercio è prodotto da un tipo di cannabis chiamato canapa, che deve contenere legalmente meno dello 0,3% di THC.

L’olio di CBD concentrato può fornire maggiori benefici con meno rischi rispetto all’uso della cannabis terapeutica.

Come funziona il CBD contro la fibromialgia?

Gli scienziati non possono dire con certezza perché il farmaco sembra ridurre alcuni sintomi della fibromialgia o perché funziona per alcune persone e non per altre, ma i ricercatori stanno attualmente testando alcune teorie.

Gli effetti antidolorifici del CBD sono probabilmente dovuti ai suoi effetti sul cervello. Può interrompere le vie nervose che inviano i segnali di dolore tra il cervello e il resto del corpo.

Il CBD e altri cannabinoidi si legano a recettori specializzati nel cervello di una persona. Uno di questi recettori, chiamato recettore CB2, svolge un ruolo nella gestione del dolore e dell’infiammazione.

Quando il CBD entra nell’organismo, può legarsi ai recettori CB2 o indurre il corpo a produrre cannabinoidi naturali (endocannabinoidi) che si legano a questi recettori. In questo modo è possibile ridurre il dolore e l’infiammazione.

Uno studio del 2016 suggerisce che la carenza di endocannabinoidi può essere la causa di sindromi da dolore cronico, tra cui emicrania e fibromialgia.

L’uso del CBD può correggere questa carenza, il che spiega il successo del composto nell’alleviare il dolore cronico.

Tuttavia, la ricerca è ancora limitata, quindi sono necessari ulteriori studi prima che gli scienziati possano comprendere appieno questo processo.

Visitate il nostro hub dedicato per ulteriori informazioni e risorse sul CBD e sui prodotti a base di CBD.

Il CBD è efficace?

I ricercatori stanno ora conducendo ricerche di qualità su questo metodo di trattamento. In passato, la ricerca si è concentrata sulla cannabis medica piuttosto che sul CBD in particolare. Nuovi studi hanno rilevato i benefici associati a questo composto.

Secondo il National Centers for Complementary and Integrative Health, alcune prove suggeriscono che la cannabis o il CBD possono avere modesti benefici sul dolore cronico.

Ad esempio, una revisione del 2020 conclude che il CBD può avere benefici in alcuni contesti per alleviare il dolore cronico, migliorare il sonno e ridurre l’infiammazione.

Dati aneddotici suggeriscono anche che l’uso di olio di CBD può alleviare i sintomi della fibromialgia per alcune persone.

Gli studi suggeriscono anche che il CBD può alleviare il dolore, migliorare il sonno e ridurre il dolore refrattario nelle persone affette da varie condizioni associate al dolore cronico, tra cui la fibromialgia, l’emicrania e la sindrome dell’intestino irritabile.

Le persone che fanno uso di cannabis terapeutica probabilmente ingeriscono un po’ di CBD, ma le quantità esatte sono sconosciute. Si discute se il CBD sia più efficace se usato da solo o insieme alla cannabis terapeutica.

Una combinazione di altre sostanze chimiche presenti nella pianta può potenziare gli effetti positivi del CBD e fornire ulteriori benefici. Per esempio, uno studio del 2006 suggerisce che il CBD funziona meglio in combinazione con il THC.

Per conoscere la reale efficacia e la sicurezza del CBD contro il dolore e le condizioni di salute croniche, i ricercatori hanno bisogno di ulteriori prove.

Cosa dicono gli studi?

Una revisione del 2020 conclude che i nuovi dati suggeriscono che la cannabis può avere un effetto positivo sulla fibromialgia. Tuttavia, i ricercatori affermano anche che le prove attuali sono ancora limitate.

Uno studio randomizzato del 2019 esamina gli effetti del Bediol, un farmaco contenente sia CBD che THC, nelle persone affette da fibromialgia. Il rapporto suggerisce che un numero maggiore di persone che assumono Bediol ha riportato una riduzione del 30% del punteggio del dolore rispetto a quelle che assumono il placebo.

Tuttavia, altri risultati di questo studio non sono stati conclusivi e non è chiaro se gli effetti siano dovuti al THC o al CBD.

Uno studio del 2017 conclude che il CBD può contrastare l’ipersensibilità delle cellule intorno ai nervi nelle persone affette da dolore cronico, comprese quelle con fibromialgia. Tuttavia, sottolinea anche la necessità di ulteriori ricerche in questo settore.

Una revisione del 2015 analizza la ricerca esistente sull’uso dei cannabinoidi per il dolore cronico, anche se non specificamente per il dolore associato alla fibromialgia. Sette degli 11 studi inclusi nella revisione suggeriscono che il CBD allevia il dolore.

Un’altra revisione del 2015 esamina i risultati di 28 studi clinici randomizzati e controllati sulla cannabis medica come trattamento del dolore. Molti degli studi si sono concentrati sul dolore associato alla sclerosi multipla. La revisione suggerisce che prove di alta qualità supportano l’uso della cannabis medica per il trattamento del dolore cronico in alcuni contesti.

La cannabis sintetica funziona?

Una revisione del 2016 valuta gli effetti di un cannabinoide sintetico chiamato Nabilone sulla fibromialgia. I ricercatori affermano che i partecipanti hanno tollerato male il farmaco e che non ha avuto benefici significativi rispetto al placebo.

D’altra parte, una revisione del 2020 afferma che “i cannabinoidi sintetici sono una delle classi di farmaci più promettenti nella medicina del dolore”.

La ricerca sugli effetti della cannabis sintetica è limitata, quindi gli scienziati stanno ancora studiando la sua efficacia.

Perché è stato difficile trovare delle prove?

Le prove di studi sull’uomo a sostegno dei benefici dell’olio di CBD sono limitate, poiché l’uso e la ricerca sulla cannabis sono ancora limitati.

Con la legalizzazione della cannabis in diverse regioni, la ricerca sta prendendo piede e comincia a mostrare risultati promettenti.

Molti studi sul CBD presentano limitazioni, tra cui le seguenti:

  • numeri molto piccoli
  • risultati contraddittori
  • mancanza di gruppi di controllo o di placebo
  • mancanza di misure oggettive, affidandosi invece a misure di autovalutazione

Altre sfide affrontate dai ricercatori sono l’approvvigionamento di CBD o cannabis medica di alta qualità (a causa della mancanza di regolamentazione) e il controllo del dosaggio e della potenza dei prodotti a base di CBD.

Sebbene un piccolo gruppo di studi suggerisca che il CBD sia efficace contro la fibromialgia, i dati rimangono contrastanti e incerti.

Come utilizzare l’olio di CBD

Diversi siti web offrono istruzioni per l’uso dell’olio di CBD, ma gli esperti hanno poche informazioni sull’uso e sul dosaggio. Alcuni usano l’olio per via topica, altri per via orale.

Se possibile, le persone possono trarre beneficio dal parlare dei dosaggi con un medico esperto di CBD e fibromialgia.

Come per qualsiasi farmaco, è consigliabile iniziare con una dose bassa e osservare attentamente la reazione dell’organismo.

La FDA non regolamenta i prodotti a base di CBD nello stesso modo in cui regola i prodotti farmaceutici, quindi le aziende a volte etichettano in modo errato i loro prodotti. Ciò significa che è particolarmente importante fare delle ricerche per trovare prodotti di qualità.

Effetti collaterali

In genere le persone tollerano bene il CBD, ma alcune hanno riportato effetti collaterali. Alcuni effetti collaterali comuni includono:

  • vertigini
  • nausea
  • bocca secca
  • sonnolenza

Le persone dovrebbero parlare con il proprio medico prima di assumere CBD. Il CBD può interagire con alcuni rimedi da banco, integratori e farmaci da prescrizione, soprattutto quelli che sconsigliano il consumo di pompelmo.

Si teme inoltre che il CBD possa interferire con la capacità del fegato di scomporre le tossine, alterando un enzima chiamato complesso del citocromo P450.

Legalità

Sebbene la canapa e i prodotti derivati dalla canapa contenenti meno dello 0,3% di THC siano legali secondo il Farm Bill, c’è ancora un po’ di confusione sui dettagli.

La ricerca è in corso e lo status legale del CBD e degli altri cannabinoidi varia da Stato a Stato.

Se una persona negli Stati Uniti sta pensando di provare il CBD, dovrebbe controllare le leggi locali.

Conclusione

La fibromialgia è una patologia cronica. Sebbene il CBD non sia in grado di curarla, alcune persone trovano che possa aiutarle a gestire i sintomi e la ricerca in questo campo si dimostra promettente.

Il CBD è legale? Il Farm Bill del 2018 ha rimosso la canapa dalla definizione legale di marijuana nella legge sulle sostanze controllate. Questo ha reso legali a livello federale alcuni prodotti a base di CBD derivati dalla canapa con meno dello 0,3% di THC. I prodotti a base di CBD contenenti più dello 0,3% di THC, tuttavia, rientrano ancora nella definizione legale di marijuana, il che li rende illegali a livello federale ma legali secondo alcune leggi statali. Assicuratevi di controllare le leggi statali, soprattutto quando siete in viaggio. Tenete inoltre presente che la FDA non ha approvato i prodotti a base di CBD non soggetti a prescrizione medica e che alcuni prodotti possono essere etichettati in modo impreciso.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo