CBD.it

CBD contro la schizofrenia

Indholdsfortegnelse

L’annabidiolo (CBD) è uno degli ingredienti della pianta di cannabis che contiene poco o niente tetraidrocannabinolo (THC). Secondo nuove ricerche, il CBD può ridurre i sintomi della schizofrenia, ma non deve essere usato come alternativa al trattamento medico.

Una nuova ricerca suggerisce che può ridurre alcuni sintomi della schizofrenia. Tuttavia, non è un sostituto del trattamento medico e il fumo di cannabis ad alta concentrazione di THC può peggiorare i sintomi della schizofrenia o aumentare il rischio di psicosi.

Il cannabidiolo è uno degli ingredienti della cannabis. L’olio di CBD contiene poco o niente tetraidrocannabinolo (THC). Il THC è l’ingrediente psicoattivo della cannabis che provoca euforia, o “high”.

Sebbene la ricerca sul CBD per la schizofrenia sia promettente, molti studi sono molto piccoli o di bassa qualità. Inoltre, nessuna ricerca ha dimostrato che il CBD possa curare la schizofrenia o che sia un metodo di trattamento migliore degli antipsicotici.

È importante trattare la schizofrenia con i farmaci consigliati dal medico, come gli antipsicotici, per evitare che la condizione peggiori e per migliorare i risultati a lungo termine. Se una persona vuole provare a integrare il proprio trattamento con il CBD, è importante che ne parli prima con un medico.

Questo articolo illustra la ricerca sull’olio di CBD e la schizofrenia, i potenziali benefici e i rischi dell’uso di questo composto e di altri trattamenti alternativi.

Il CBD è legale? Il Farm Bill del 2018 ha rimosso la canapa dalla definizione legale di marijuana nella legge sulle sostanze controllate. Questo ha reso legali a livello federale alcuni prodotti a base di CBD derivati dalla canapa con meno dello 0,3% di THC. I prodotti a base di CBD contenenti più dello 0,3% di THC, tuttavia, rientrano ancora nella definizione legale di marijuana, il che li rende illegali a livello federale ma legali secondo alcune leggi statali. Assicuratevi di controllare le leggi statali, soprattutto quando siete in viaggio. Tenete inoltre presente che la FDA non ha approvato i prodotti a base di CBD non soggetti a prescrizione medica e che alcuni prodotti possono essere etichettati in modo impreciso.

L’olio di CBD aiuta a combattere la schizofrenia?

Nuove prove suggeriscono che i prodotti a base di CBD possono aiutare a combattere la schizofrenia. Tuttavia, gli studi sono generalmente di bassa qualità e incoerenti in termini di dosaggio e disegno dello studio.

Inoltre, non si dovrebbero usare prodotti a base di CBD senza aver prima contattato un professionista della salute. Il CBD non deve essere utilizzato come sostituto di un trattamento medico.

È importante notare che molti studi sul CBD per la schizofrenia non utilizzano l’olio di CBD. Poiché l’olio di CBD è un integratore, il dosaggio e la potenza variano da produttore a produttore. Ciò significa che una persona può ottenere un risultato diverso ogni volta che lo utilizza.

Una revisione del 2022 sottolinea che il CBD ha una bassa biodisponibilità orale. Ciò significa che il consumo di olio di CBD può essere meno efficace di altre forme di questo composto.

Prove che il CBD aiuta la schizofrenia

Una revisione del 2021 evidenzia i potenziali benefici del CBD nelle fasi iniziali della schizofrenia. I ricercatori affermano che il CBD può alterare i livelli di varie sostanze chimiche cerebrali che hanno un legame con la psicosi. Ad esempio, il CBD può aumentare i livelli di anandamide nel cervello, riducendo i sintomi della psicosi.

Un’altra recente revisione sistematica ha trovato poche prove che il CBD possa ridurre i sintomi della schizofrenia ad alte dosi. La revisione rileva che uno studio di 4 settimane con 800 milligrammi (mg) di CBD ha dato risultati simili a quelli dell’amisulpride, un farmaco antipsicotico, nell’alleviare la psicosi e migliorare la cognizione.

In due studi di 6 settimane condotti su persone in terapia antipsicotica che assumevano anche CBD, il farmaco non ha dato risultati migliori di quelli ottenuti con un placebo a 600 mg al giorno. A 1.000 mg, ha ridotto i sintomi della schizofrenia. Tuttavia, questo campione non escludeva le persone che facevano uso di cannabis a scopo ricreativo o quelle che avevano un’abitudine alla cannabis.

L’evidenza che il CBD non aiuta la schizofrenia

Ma la ricerca suggerisce anche che il CBD potrebbe non avere alcun beneficio per la schizofrenia. Ad esempio, in uno studio del 2018, i ricercatori hanno somministrato 600 milligrammi di CBD al giorno o un placebo a un gruppo di 36 persone con schizofrenia per 6 settimane.

Il gruppo placebo ha mostrato maggiori miglioramenti rispetto al gruppo CBD, e quelli che assumevano CBD hanno sviluppato più sintomi di sedazione.

Potenziali benefici del CBD per la schizofrenia

La ricerca sui benefici dell’uso del CBD per la schizofrenia è ancora in corso. Tuttavia, vi sono alcune prove che il CBD possa avere potenziali benefici nella gestione di questa condizione.

Il CBD può essere efficace nelle prime fasi della psicosi in quanto ha effetti antipsicotici. Il composto agisce sulla chimica del cervello con effetti collaterali minimi, come la diarrea.

Inoltre, è stato dimostrato che il CBD non interagisce con i farmaci antipsicotici. È improbabile che le persone che assumono CBD insieme ai farmaci antipsicotici sperimentino un ulteriore peggioramento dell’umore, pensieri suicidi o cambiamenti nei movimenti.

I rischi

Un rischio specifico per le persone affette da schizofrenia è che una persona possa sostituire i trattamenti standard, come i farmaci antipsicotici, con il CBD.

La ricerca suggerisce che il trattamento precoce della schizofrenia può migliorare i risultati a lungo termine, ad esempio impedendo il graduale peggioramento della condizione. Le persone che ritardano il trattamento a favore del CBD possono scoprire che i sintomi della schizofrenia diventano meno gestibili.

Altri rischi più generali legati all’uso del CBD possono essere i seguenti:

  • danni al fegato a dosi elevate o se una persona assume CBD insieme a farmaci come lomitapide, mipomersen, pexidartinib, leflunomide, teriflunomide o valproato
  • stanchezza o scarsa energia
  • aumento del rischio di pensieri suicidi
  • interazioni tra farmaci

Mentre il CBD può alleviare i sintomi della schizofrenia, il THC, un altro ingrediente della cannabis, può peggiorarli. Per esempio, uno studio del 2019 ha rilevato che i consumatori di cannabis ad alta potenza avevano un rischio più che quadruplo di sviluppare psicosi.

Tuttavia, è importante notare che i ricercatori non hanno scoperto che il THC o la cannabis causino psicosi. Ci sono altri fattori che possono giocare un ruolo.

Altri trattamenti alternativi per la schizofrenia

I ricercatori non hanno dimostrato che un trattamento alternativo della schizofrenia funzioni. È importante ricordare che qualsiasi rimedio alternativo, compreso il CBD, non sostituisce adeguatamente il trattamento medico.

Ma un approccio olistico, che incorpori il supporto allo stile di vita, l’educazione e i farmaci, può aiutare a migliorare i sintomi della schizofrenia. Oltre ai farmaci antipsicotici, gli operatori sanitari possono consigliare i seguenti farmaci:

  • terapia come la terapia cognitivo-comportamentale (CBT)
  • meditazione, mindfulness o esercizio fisico come lo yoga
  • riabilitazione cognitiva
  • supporto alla famiglia, come la terapia familiare

Conclusione

Recenti ricerche suggeriscono che il CBD potrebbe avere alcuni potenziali benefici nella gestione dei sintomi della schizofrenia. Tuttavia, le prove non sono conclusive e sono necessarie ulteriori ricerche.

Chi è interessato a provare trattamenti alternativi, come il CBD, dovrebbe contattare un medico per discutere i potenziali benefici e rischi. Le persone non dovrebbero utilizzare rimedi alternativi in sostituzione di un trattamento medico.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo