CBD.it

CBD contro l’acne

Indholdsfortegnelse

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo (CBD), un composto derivato dalla pianta di cannabis.

I prodotti contenenti CBD sono ovunque, dagli antidolorifici topici agli emollienti per la pelle e ai potenziali rimedi per l’acne.

Continuate a leggere per maggiori informazioni sul CBD come potenziale trattamento dell’acne e su come trovare prodotti di alta qualità.

Il CBD funziona contro l’acne?

L’acne è una condizione che si verifica quando l’olio in eccesso, lo sporco e le cellule morte della pelle ostruiscono i pori. Il batterio Propionibacterium acnes può accumularsi nei pori e causare chiazze rosse e irritate.

Per questo motivo, il trattamento dell’acne consiste nel mantenere la pelle pulita, priva di batteri che causano l’acne e nel ridurre l’olio in eccesso che può ostruire la pelle.

La maggior parte delle ricerche sull’acne e il CBD riguarda il potere del CBD di bloccare i processi noti come causa dell’acne, come l’accumulo di olio in eccesso. Uno degli studi più promettenti è stato pubblicato su The Journal of Clinical Investigation Trusted Source.

In questo studio, i ricercatori hanno misurato gli effetti dei composti di CBD su campioni di pelle umana e sulle ghiandole produttrici di olio in laboratorio.

I ricercatori hanno scoperto che il CBD inibisce la produzione di olio e ha anche effetti antinfiammatori sulle ghiandole produttrici di olio. Hanno concluso che il CBD è un “agente terapeutico promettente” per il trattamento dell’acne.

Il CBD funziona contro l’acne corporea?

Poiché l’acne corporea si manifesta con gli stessi meccanismi dell’acne facciale, è possibile che i prodotti contenenti CBD possano contribuire a ridurre l’acne corporea. Molti produttori di prodotti per la pelle incorporano il CBD nei saponi o nei lavaggi per il corpo.

Sebbene i prodotti a base di CBD non siano specificamente commercializzati per le persone affette da acne corporea, le loro proprietà antibatteriche e antinfiammatorie possono fornire qualche beneficio.

Il CBD funziona contro le cicatrici da acne?

Le cicatrici da acne si formano a causa di disturbi sottostanti della pelle causati da brufoli ingrossati e da sciacqui della pelle.

Uno studio pubblicato sulla rivista La Clinica Terapeutica ha esaminato 20 partecipanti che presentavano cicatrici legate alla psoriasi e alla dermatite atopica. I partecipanti hanno applicato un unguento arricchito di CBD sulle aree cutanee cicatrizzate due volte al giorno per tre mesi.

Dopo un periodo di tre mesi, i ricercatori hanno riscontrato che l’unguento al CBD migliorava significativamente l’aspetto della pelle in categorie come l’elasticità e l’idratazione.

Sebbene lo studio sia di piccole dimensioni e non sia stato condotto su soggetti con cicatrici da acne, mostra la promessa che i prodotti a base di CBD possano contribuire a ridurre l’incidenza delle cicatrici da acne.

E per quanto riguarda altri problemi della pelle?

Il CBD può essere utile anche per trattare altri problemi della pelle. Ecco alcuni esempi.

CBD contro la psoriasi

Uno studio pubblicato sulla rivista PeerJ Life & Environment ha trovato risultati promettenti per chi soffre di psoriasi. Lo studio ha scoperto che i recettori dei cannabinoidi nella pelle hanno la capacità di ridurre la crescita eccessiva delle cellule cutanee, un problema comune nei soggetti affetti da psoriasi.

I ricercatori hanno teorizzato che i cannabinoidi potrebbero avere il potenziale di “spegnere” i recettori che causano l’accumulo di cellule cutanee in eccesso nelle persone affette da psoriasi.

Poiché i ricercatori non hanno condotto lo studio su pelle viva – hanno utilizzato pelle di cadavere umano – è difficile dire se i risultati potrebbero essere duplicati. Tuttavia, lo studio è promettente per coloro che sperano di utilizzare i prodotti a base di CBD per ridurre i sintomi della psoriasi.

Condizioni di prurito della pelle

Secondo il Journal of the American Academy of Dermatology (JAAD), uno degli usi più promettenti del CBD è il trattamento del prurito cutaneo.

La rivista ha citato uno studio del 2005 che ha rilevato che l’81% dei pazienti in emodialisi con prurito cutaneo che hanno usato una crema contenente CBD hanno avuto una completa risoluzione dei sintomi.

Gli autori dell’articolo del JAAD hanno teorizzato che i cannabinoidi hanno il potere di spegnere i segnali trasmessi al cervello dalle terminazioni nervose della pelle che indicano il prurito cutaneo. Se combinati con ingredienti lenitivi per la pelle in lozioni e oli, l’effetto può essere quello di alleviare il prurito.

Svantaggi dell’uso del CBD contro l’acne

Una ricerca sulla sicurezza del CBD pubblicata sulla rivista Cannabis and Cannabinoid Research ha rilevato che il CBD ha un “profilo di sicurezza favorevole”.

I ricercatori hanno riscontrato che gli effetti collaterali più comunemente segnalati sono stati affaticamento, diarrea e variazioni dell’appetito. Tuttavia, questi effetti collaterali riguardano soprattutto le persone che ingeriscono il CBD, non quelle che lo usano per via topica.

È possibile che si verifichi una reazione allergica al CBD applicato per via topica.

In caso di sintomi quali gonfiore, prurito o desquamazione della pelle dopo l’applicazione di prodotti a base di CBD, lavare la zona interessata con acqua e sapone. Si consiglia di applicare impacchi freddi per lenire la pelle irritata.

Interrompere l’uso dei prodotti a base di CBD se si pensa di aver avuto una reazione allergica.

Nota

Molti produttori sono ansiosi di aggiungere i loro prodotti alla moda dell’olio di CBD. Purtroppo, non tutto il CBD contiene quanto commercializzato, secondo uno studio pubblicato sulla rivista JAMATrusted Source.

In questo studio, i ricercatori hanno testato 84 prodotti che riportavano un marchio di CBD. Hanno scoperto che il 26% dei prodotti testati conteneva una quantità di olio di CBD inferiore a quella pubblicizzata, il che potrebbe influire sull’efficacia del prodotto.

La buona notizia è che i ricercatori hanno riscontrato che le formulazioni di olio contenenti CBD sono state più spesso etichettate correttamente. La maggior parte dei trattamenti per l’acne è costituita da oli.

Come consumatori, potete assicurarvi che il vostro prodotto sia di alta qualità acquistandolo da un’azienda che utilizza un laboratorio indipendente per verificare l’etichetta.

CBD e legislazione

Nel 2018, il Congresso ha approvato una legge chiamata Agricultural Improvement Act o Farm Bill. Questa legge ha reso la canapa industriale legale a livello federale.

Secondo la fonte attendibile della Food and Drug Administration (FDA), se una pianta di cannabis ha meno dello 0,3% di tetraidrocannabinolo (THC), è considerata canapa. Se ha più dello 0,3% di THC, è considerata marijuana.

Il THC è il composto psicoattivo della marijuana che provoca lo sballo. Tuttavia, il CBD non provoca sballo.

Poiché il CBD può provenire dalla canapa o dalla marijuana, la legalità dei prodotti può creare confusione.

La possibilità di farsi consegnare a casa i prodotti per la cura della pelle a base di CBD o di acquistarli in un negozio dipende dal luogo in cui si vive. Le leggi locali e statali possono stabilire se è possibile acquistare e utilizzare legalmente i prodotti a base di CBD.

Conclusione

Per affermare che i prodotti a base di CBD sono un trattamento efficace per l’acne, i dermatologi hanno bisogno di grandi studi su pelle viva. Finché gli scienziati non li eseguiranno, piccoli studi di laboratorio sono promettenti.

Se acquistate prodotti a base di CBD per l’acne, leggete attentamente le etichette e acquistate da aziende affidabili i cui prodotti sono stati testati in laboratori indipendenti.

Il CBD è legale? Il Farm Bill del 2018 ha rimosso la canapa dalla definizione legale di marijuana nella legge sulle sostanze controllate. Questo ha reso legali a livello federale alcuni prodotti a base di CBD derivati dalla canapa con meno dello 0,3% di THC. I prodotti a base di CBD contenenti più dello 0,3% di THC, tuttavia, rientrano ancora nella definizione legale di marijuana, il che li rende illegali a livello federale ma legali secondo alcune leggi statali. Assicuratevi di controllare le leggi statali, soprattutto quando siete in viaggio. Tenete inoltre presente che la FDA non ha approvato i prodotti a base di CBD non soggetti a prescrizione medica e che alcuni prodotti possono essere etichettati in modo impreciso.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo