CBD.it

CBD contro l’alzheimer

Indholdsfortegnelse

Olio di CBD per Alzheimer e demenza: modalità d’uso e dosaggio

La canapa e l’olio di CBD sono stati legalizzati a livello federale con il Farm Bill del 2018, ma gli scienziati hanno condotto ricerche sul cannabidiolo e sui suoi potenziali benefici per molti anni prima del boom della cannabis.

I prodotti a base di CBD si stanno diffondendo rapidamente, soprattutto grazie al numero di patologie potenzialmente alleviate da questo composto.

I ricercatori stanno scoprendo nuovi sintomi che il CBD potrebbe trattare o aiutare in qualche modo, dall’ansia all’infiammazione e alle malattie neurodegenerative come la demenza. Il CBD può fornire un aiuto d’emergenza a migliaia di persone in tutto il Paese.

In questo articolo approfondirò nello specifico il potenziale uso del CBD per la demenza e i danni collaterali che provoca nelle persone affette da questa malattia.

Voglio spiegarvi i dettagli dell’uso dell’olio di CBD, come può interagire con la demenza e guidarvi tra i marchi che attualmente offrono i migliori prodotti a base di CBD sul mercato.

Che cos’è la demenza?

La demenza non è una malattia in sé. Si tratta invece di un gruppo di condizioni che compromettono il funzionamento del cervello.

In generale, la demenza è caratterizzata da un’alterazione di almeno due importanti funzioni cerebrali, come la perdita di giudizio e di memoria. In effetti, qualsiasi forma di demenza può compromettere le funzioni cognitive.

Come per qualsiasi condizione di salute, esistono alcuni sintomi che possono aiutare a diagnosticare la demenza, in particolare:

  • Compromissione delle funzioni motorie e della coordinazione
  • La perdita di memoria viene solitamente notata per la prima volta da un familiare stretto.
  • Cambiamenti di personalità
  • Difficoltà nella risoluzione di problemi o nel ragionamento
  • Ansia, agitazione, depressione o paranoia
  • Confusione
  • Allucinazioni e comportamento strano
  • Difficoltà a gestire compiti complessi

La demenza è la stessa cosa della malattia di Alzheimer?

Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza, quindi la demenza è solo una categoria a cui appartiene la malattia di Alzheimer. Tuttavia, oltre all’Alzheimer, esistono altre forme di demenza.

La demenza può essere classificata in quattro tipi diversi:

  1. Demenza frontotemporale: il tipo di demenza in cui le cellule nervose dei lobi temporali e frontali del cervello degenerano. La demenza frontotemporale colpisce le parti del cervello che controllano il comportamento, il linguaggio e la personalità.
  2. Demenza a corpi di Lewy: la forma più comune di demenza progressiva, la demenza a corpi di Lewy si verifica quando nel cervello iniziano a formarsi grumi anomali di proteine.
  3. Demenza vascolare: è la seconda forma più comune di demenza. È causata da un danno ai vasi sanguigni che limita il flusso diretto di sangue al cervello e può portare all’ostruzione dei vasi sanguigni o all’ictus.
  4. Demenza mista: si tratta in genere di una combinazione di malattia di Alzheimer e altre forme di demenza. Mentre l’Alzheimer può colpire persone di età superiore ai 65 anni, la demenza mista si manifesta con un’ulteriore progressione.

Quali sono i benefici del CBD per la demenza?

Il CBD è stato suggerito dai ricercatori come alternativa naturale per molte patologie gravi, tra cui la perdita di memoria, l’ansia e i disturbi del sonno.

Il CBD è un potente antiossidante, antinfiammatorio e neuroprotettore, quindi può migliorare notevolmente la funzione cerebrale, fondamentale per rallentare e arrestare la progressione delle malattie neurodegenerative.

Di seguito spiego come l’olio di CBD può migliorare varie forme di demenza sulla base delle più recenti scoperte scientifiche.

1. Malattia di Alzheimer

La ricerca mostra un chiaro legame tra il CBD e la riduzione dell’infiammazione e del decadimento delle cellule cerebrali.

L’infiammazione aumenta l’impatto negativo della malattia di Alzheimer. È una delle cause principali di questa condizione. Più il cervello è infiammato, maggiore è il danno.

I malati di Alzheimer mostrano spesso un percorso di rapido declino e degenerazione delle cellule cerebrali in alcune regioni. I ricercatori hanno recentemente scoperto che il CBD ha il potenziale di migliorare la plasticità della regione dell’ippocampo, la parte del cervello responsabile delle funzioni cognitive e della formazione della memoria.

Negli studi clinici, i ricercatori hanno scoperto che il sistema endocannabinoide è coinvolto nella neurotrasmissione, nella neuropatologia e nella neurobiologia di varie forme di demenza, compresa la malattia di Alzheimer.

2. Demenza vascolare

Come già accennato, le persone affette da demenza vascolare hanno tipicamente problemi di pianificazione, ragionamento, memoria, giudizio e altri processi mentali a causa dei danni cerebrali provocati dalla riduzione dell’afflusso di sangue al cervello.

Uno studio del 2016 del National Institute of Health (NIH) ha rilevato che l’attivazione dei recettori dei cannabinoidi nel cervello favorisce il ripristino del flusso sanguigno al cervello.

3. Demenza da malattia di Parkinson

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce principalmente persone di mezza età e anziane. Alcuni sintomi della demenza possono essere il risultato della malattia di Parkinson – chiamata demenza da malattia di Parkinson.

I ricercatori suggeriscono che la malattia di Parkinson possa derivare da una ridotta produzione di dopamina e che si manifesti soprattutto con tensione muscolare, tremori e movimenti lenti e difettosi.

Anche uno squilibrio digestivo può essere un fattore significativo nello sviluppo del Parkinson e nella gravità dei suoi sintomi. È stato dimostrato che i cannabinoidi come il CBD producono effetti neuroprotettivi e antiossidanti sul cervello, che insieme alle sue proprietà antinfiammatorie possono essere efficaci per affrontare la demenza indotta dal morbo di Parkinson.

4. Demenza da corpi di Lewy

Corpi di Lewy è il nome scientifico dei depositi di proteina alfa-sinucleina nel cervello. Questi accumuli possono causare problemi di giudizio, sonno, comportamento, movimento e umore.

La ricerca ha rilevato che il CBD può ridurre l’ansia e stabilizzare l’umore. Inoltre, gli effetti antinfiammatori del CBD possono ridurre la gravità dei sintomi motori e aiutare a regolare il sonno.

5. Demenza frontotemporale

La perdita di cellule nei lobi frontali o temporali può provocare sintomi di depressione e psicosi. A differenza di molti farmaci antipsicotici, il CBD può alleviare tremori, ansia e rigidità senza gli effetti collaterali associati ai farmaci da prescrizione.

6. Demenza da malattia di Huntington

Questa malattia, nota anche come corea di Huntington, è una patologia ereditaria che porta alla degenerazione delle cellule cerebrali, che spesso si traduce in sintomi di demenza.

I primi sintomi di questa patologia sono spesso lievi e riguardano problemi di umore e di concentrazione. Con il progredire della malattia, la persona può soffrire di una generale mancanza di coordinazione e di un’andatura instabile (movimento della camminata).

Uno studio del 2016 condotto da ricercatori dell’Università di Madrid ha rilevato che le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie del CBD possono essere utili nella gestione della malattia di Huntington e sono sicure anche a dosi molto elevate.

Cosa dicono gli esperti sull’olio di CBD e la demenza

I ricercatori utilizzeranno il Sativex, uno spray orale a base di CBD e THC, per trattare i pazienti affetti da demenza nel primo studio importante condotto nel Regno Unito. Lo studio è stato condotto da ricercatori del King’s College di Londra e finanziato dall’Alzheimer’s Research UK.

I ricercatori studieranno l’efficacia del Sativex, un farmaco già approvato per i pazienti affetti da sclerosi multipla, osservando 60 pazienti di età compresa tra i 55 e i 90 anni che vivono in case di riposo per tutta la durata della sperimentazione. Lo studio mira ad alleviare l’aggressività e l’agitazione, uno dei principali sintomi della demenza.

Dag Aarsland, psichiatra e professore a capo della sperimentazione, afferma:

“Spesso si associa la malattia di Alzheimer ai problemi di memoria, ma questo è solo un aspetto di una patologia complessa che può colpire le persone in modi diversi. Molte persone affette da Alzheimer possono diventare agitate o aggressive, e questo può causare difficoltà alla persona affetta dalla malattia e a chi le sta vicino”.

Se gli estratti a spettro completo si dimostreranno efficaci come trattamento della demenza, potrebbe essere una svolta per la medicina moderna, dato che i ricercatori hanno lottato per trovare soluzioni efficaci per quasi due decenni.

“Non essendoci nuovi trattamenti per la demenza da oltre 15 anni, è fondamentale testare un’ampia gamma di approcci per trovare modi efficaci di aiutare le persone che vivono con questa condizione”, ha dichiarato David Reynolds, Ph.D., dell’Alzheimer’s Research U.K. Reynolds sottolinea l’importanza di trovare un farmaco che non solo rallenti o arresti la progressione della demenza, ma che porti anche benefici alle prestazioni quotidiane delle persone.

“Sulla base di alcuni studi preliminari condotti su altre popolazioni, come individui più giovani affetti da disturbo bipolare e schizofrenia, e di studi sugli animali, c’è almeno qualche ragione per teorizzare che questi farmaci possano avere un beneficio”, prosegue il dottor Nathan Herrmann, capo del dipartimento di psichiatria geriatrica del Sunnybrook Health Sciences Center in Canada, che mostra il suo sostegno ai colleghi del Regno Unito.

Il Sativex contiene quantità uguali di THC e CBD. L’olio di CBD derivato dalla canapa contiene solo lo 0,3% di THC e non esistono studi che esaminino gli effetti di questa soluzione di cannabis sulla demenza.

Qual è la migliore dose di olio di CBD per la demenza?

Non esistono linee guida specifiche per il dosaggio dell’olio di CBD in caso di demenza. Tuttavia, sono stati condotti vari studi sull’efficacia di diverse dosi di CBD per i pazienti affetti da Alzheimer.

Uno studio del 2014 ha rilevato che potrebbero essere necessarie concentrazioni più elevate di CBD prima che gli effetti si manifestino. Lo studio è stato condotto su topi transgenici.

Data la mancanza di regolamentazione del mercato del CBD, la cosa migliore da fare è osservare gli effetti di diversi dosaggi e riferire a una fondazione o a un istituto scientifico specializzato nella ricerca di nuove forme di trattamento della demenza. Con un maggior numero di autosegnalazioni da parte dei pazienti, gli operatori sanitari saranno in grado di elaborare in futuro alcune linee guida generali per le persone affette da demenza.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo