CBD.it

CBD contro l’obesità

Indholdsfortegnelse

Il cannabidiolo (CBD) è un composto naturale che sta guadagnando popolarità nel mondo della salute naturale. Alcuni pensano che il CBD possa aiutare a perdere peso, ma funziona?

Il CBD è uno dei tanti cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis. Un altro cannabinoide, il tetraidrocannabinolo (THC), è responsabile degli effetti psicoattivi della cannabis. Non ci sono prove che il CBD provochi uno sballo.

Gli unici usi del CBD approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) Trusted Source sono il trattamento di forme rare di epilessia e di cause specifiche di convulsioni. Tutti gli altri usi sono off-label.

Sebbene la ricerca suggerisca che il CBD possa essere un trattamento promettente per alcuni problemi di salute – tra cui alleviare il dolore cronico, migliorare il sonno e ridurre l’infiammazione – non ci sono prove sufficienti per dimostrare che sia efficace per uno qualsiasi di questi problemi.

I ricercatori stanno anche esaminando la possibilità che il CBD possa aiutare le persone a perdere peso e a ridurre il rischio di problemi associati all’obesità, come il diabete e i disturbi metabolici.

In questo articolo discutiamo le ricerche esistenti sul CBD e la perdita di peso. Analizziamo anche i possibili rischi e lo status legale del CBD.

CBD e perdita di peso

Il CBD può aiutare a perdere peso grazie al suo effetto sul corpo e sul cervello.

Gli effetti del CBD nell’organismo sono in gran parte dovuti al modo in cui influisce sul sistema endocannabinoide naturale del corpo. Questo sistema risponde a varie sostanze chimiche presenti nell’organismo attraverso due recettori per i cannabinoidi (CB), chiamati CB1 e CB2.

I recettori CB1 sono più densi nel cervello e nel sistema nervoso centrale. I recettori CB2 sono presenti soprattutto nel sistema immunitario.

Nelle persone obese, tuttavia, i recettori CB1 diventano più abbondanti, soprattutto nel tessuto adiposo. Per questo motivo, i ricercatori ritengono che possa esistere un legame tra l’attivazione dei recettori CB1 e l’obesità.

Il CBD lavora con altri cannabinoidi per attivare potenzialmente molti recettori, come quello degli endocannabinoidi e della serotonina. Questo può avere un ruolo nella perdita di peso o in altre funzioni metaboliche critiche.

Cosa dice la ricerca?

Alcune prove suggeriscono che il CBD può aiutare una persona a perdere peso o a prevenire disturbi metabolici.

Riduce l’appetito

Molti sostenitori affermano che il CBD può aiutare una persona a perdere peso riducendo l’appetito.

La maggior parte delle persone associa la cannabis a uno stimolo dell’appetito, in quanto le persone tendono a sentirsi affamate dopo il consumo di cannabis. Sebbene il THC possa provocare la fame, ci sono poche prove che il CBD faccia lo stesso.

Il THC, quando stimola il recettore CB1, rilascia un ormone che aumenta l’assunzione di cibo. D’altra parte, come notano gli autori di uno studio del 2018, gli antagonisti dei recettori CB1 possono contribuire a ridurre l’appetito e a controllare l’obesità. Questo perché gli antagonisti del recettore CB1 bloccano o “disattivano” il recettore.

Gli autori notano anche che la stimolazione dei recettori CB2 riduce l’infiammazione e diminuisce l’assunzione di cibo, il che può contribuire a ridurre l’obesità.

Un vecchio studio su animali del 2012 ha dimostrato che l’esposizione al CBD riduce l’appetito nei ratti. Non ci sono studi diretti che dimostrino che riduce l’appetito nell’uomo.

Trasforma i grassi cattivi in grassi buoni

I sostenitori del CBD per la perdita di peso sostengono anche che può trasformare il grasso bianco o “cattivo” in grasso bruno, che può aiutare il corpo a bruciare calorie.

Il grasso bianco può aumentare il rischio di molte patologie croniche, come le malattie cardiache e il diabete.

Uno studio del 2016 contribuisce a sostenere questa affermazione. I ricercatori hanno scoperto che il CBD svolge molteplici ruoli nel modo in cui l’organismo interagisce con il grasso.

Nello studio, il CBD ha contribuito a trasformare le cellule di grasso bianco in cellule di grasso bruno. Inoltre, stimola l’organismo a scomporre i grassi in modo più efficiente.

I ricercatori osservano che il CBD potrebbe essere una terapia promettente per la prevenzione dell’obesità, ma sono necessari ulteriori studi sull’uomo.

Una ricerca del 2018 aiuta a spiegare come il CBD possa abbattere i grassi nel corpo. Il processo di trasformazione delle cellule di grasso bianco in cellule di grasso bruno modifica di fatto il funzionamento di queste cellule nell’organismo.

Le cellule di grasso bruno possono essere una forma di grasso più attiva. Bruciano energia sotto forma di calore, il che significa che bruciano effettivamente calorie.

Poiché la perdita di calorie è importante per la perdita di peso, il CBD può aiutare a bruciare i grassi se trasforma il grasso bianco in grasso bruno nell’organismo.

Riduce il rischio di disturbi metabolici

Come osservano altre ricerche del 2018, esiste uno stretto legame tra l’obesità e diversi disturbi metabolici, come ad esempio:

  • diabete di tipo 2
  • ipertensione arteriosa
  • colesterolo alto

L’iperattivazione dei recettori CB nell’organismo può essere in parte responsabile di questo fenomeno. L’iperattivazione dei recettori CB1 nel tessuto adiposo di tutto il corpo può contribuire all’obesità e ai rischi metabolici.

Una revisione in Cannabis and Cannabinoid Research riporta anche alcuni punti salienti di studi precedenti sul CBD e sui fattori metabolici negli animali

Ad esempio, il trattamento con CBD ha ridotto il colesterolo totale del 25% nei ratti obesi. Gli effetti antinfiammatori e antiossidanti del CBD sembrano inoltre abbassare i livelli di zucchero nel sangue e aumentare i marcatori della salute del fegato.

Rischi e considerazioni

Sebbene i primi risultati degli studi sul CBD e la perdita di peso sollevino alcuni interessanti collegamenti potenziali, ci sono alcune cose importanti da considerare.

Il CBD o qualsiasi altro composto, integratore o farmaco non è un trattamento per l’obesità. Questi integratori e composti non sostituiscono una dieta sana e un regolare esercizio fisico.

Una persona che aggiunge il CBD al proprio piano di dimagrimento senza aver fatto anche esercizio fisico e mangiato sano potrebbe non vedere alcun beneficio.

È meglio lavorare direttamente con un medico quando si usa il CBD per la perdita di peso. I medici dovranno discutere di eventuali altri farmaci che la persona sta assumendo, poiché il CBD può causare interazioni indesiderate.

La FDA non regolamenta i prodotti a base di CBD nello stesso modo in cui regola i prodotti farmaceutici, quindi le aziende a volte etichettano in modo errato i loro prodotti. Ciò significa che è particolarmente importante fare una ricerca e trovare un prodotto di qualità.

Il CBD è legale?

Il Farm Bill, firmato negli Stati Uniti alla fine del 2018, stabilisce che la canapa e i prodotti da essa derivati con un contenuto di THC inferiore allo 0,3% sono legali.

Tuttavia, lo status legale del CBD e degli altri cannabinoidi varia da Stato a Stato. Se qualcuno negli Stati Uniti sta pensando di provare il CBD, può controllare le leggi locali qui.

Conclusione

Le prove di studi sull’uomo a sostegno dei benefici del CBD sono limitate, poiché il governo continua a limitare l’uso e la ricerca sulla cannabis. Con la legalizzazione della cannabis in diverse regioni, la ricerca sta aumentando e mostra risultati promettenti.

I primi risultati degli studi sul CBD e la perdita di peso sono promettenti e possono stimolare ulteriori ricerche su un possibile legame.

Tuttavia, è importante notare che nessuna ricerca ha dimostrato direttamente che il CBD porti costantemente alla perdita di peso negli esseri umani.

Il CBD non deve sostituire gli altri farmaci che una persona assume per le sue patologie croniche. Le persone dovrebbero parlare con un medico prima di usare il CBD per qualsiasi motivo, poiché potrebbe interagire con i farmaci esistenti.

Il CBD è legale? Il Farm Bill del 2018 ha rimosso la canapa dalla definizione legale di marijuana nella legge sulle sostanze controllate. Questo ha reso legali a livello federale alcuni prodotti a base di CBD derivati dalla canapa con meno dello 0,3% di THC. I prodotti a base di CBD contenenti più dello 0,3% di THC, tuttavia, rientrano ancora nella definizione legale di marijuana, il che li rende illegali a livello federale ma legali secondo alcune leggi statali. Assicuratevi di controllare le leggi statali, soprattutto quando siete in viaggio. Tenete inoltre presente che la FDA non ha approvato i prodotti a base di CBD non soggetti a prescrizione medica e che alcuni prodotti possono essere etichettati in modo impreciso.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo