CBD.it

CBD per l’anoressia

Indholdsfortegnelse

L’anoressia nervosa è un disturbo alimentare diffuso con pazienti che variano per età, sesso, orientamento sessuale, razza, etnia e background socioeconomico. In effetti, la malattia è così diffusa che storici e psicologi hanno trovato prove che le persone hanno mostrato sintomi di anoressia per centinaia o migliaia di anni.

Il tipico comportamento anoressico si sviluppa più frequentemente nell’adolescenza, la malattia viene diagnosticata anche a un numero crescente di bambini e anziani. I pazienti con diagnosi di anoressia nervosa limitano fortemente il numero di calorie e il tipo di cibo che mangiano. Alcune persone con il disturbo possono anche esercitarsi in modo eccessivo e compulsivo, impegnarsi in abbuffate e/o comportamenti bulimici che comportano l’eliminazione del cibo consumato dopo un’abbuffata.

La malattia è spesso caratterizzata da un’estrema perdita di peso o mancanza di un adeguato aumento di peso nei bambini e negli adulti in crescita, difficoltà a mantenere un peso corporeo appropriato per altezza, età, statura e sesso e un’immagine corporea distorta. Tuttavia, è importante capire che non puoi dire se una persona sta lottando con l’anoressia guardandola, poiché una persona non ha bisogno di essere emaciata o sottopeso per lottare. Gli studi hanno scoperto che le persone con corpi più grandi possono anche avere l’anoressia, sebbene sia meno probabile che venga diagnosticata a causa dei pregiudizi culturali contro il grasso e l’obesità.

Nell’anoressia nervosa, il ciclo dell’auto-fame fa sì che al corpo vengano negati i nutrienti essenziali di cui ha bisogno per funzionare normalmente. Per conservare l’energia, il corpo interrompe sistematicamente i processi biologici e, infine, interrompe le funzioni biologiche essenziali che possono avere gravi conseguenze mediche. È quindi incredibilmente importante capire i molti modi in cui i disturbi alimentari influenzano il corpo.

Le conseguenze psicologiche e le complicazioni mediche dell’anoressia includono:

  • Depressione, ansia e altri disturbi dell’umore
  • Disturbi della personalità
  • Disturbi ossessivo-compulsivi
  • Abuso di alcol e droghe
  • Autolesionismo, pensieri suicidi o tentativi di suicidio
  • Anemia
  • Problemi cardiovascolari, come prolasso della valvola mitrale, ritmo cardiaco anormale o insufficienza cardiaca
  • La perdita ossea (osteoporosi), aumenta il rischio di frattura
  • Perdita di muscoli
  • Negli uomini, testosterone diminuito
  • Problemi gastrointestinali, come costipazione, gonfiore o nausea
  • Anomalie elettrolitiche, come bassi livelli di potassio, sodio e cloruro nel sangue
  • Problemi ai reni

Sintomi di anoressia

Gli scienziati non sono esattamente sicuri di cosa causi l’anoressia, ma credono che possa essere dovuto alla biologia e alla psicologia di una persona combinate con gli eventi della vita. Questa combinazione include l’avere geni specifici, la biologia di una persona (compresi i cambiamenti nei livelli di serotonina e altri neurotrasmettitori), l’immagine corporea e l’autostima, le esperienze sociali, la storia della salute familiare e talvolta altre malattie mentali.

Poiché l’anoressia provoca cambiamenti fisici e psicologici, una persona con diagnosi di anoressia spesso presenta una varietà di sintomi emotivi, comportamentali e fisici.

I sintomi emotivi e comportamentali includono:

  • Una preoccupazione per il peso, il cibo, le calorie, i grammi di grasso e la dieta
  • Rifiutarsi di mangiare determinati cibi, ad esempio “senza zucchero”, “senza grassi” o “senza carboidrati”
  • Fare commenti frequenti sul sentirsi “grassi” o sovrappeso nonostante la perdita di peso e/o il basso peso corporeo
  • Ha un’intensa paura di ingrassare o di essere “grassa”, anche se sottopeso
  • Ha una percezione disturbata del peso o della forma corporea, influenza indebita del peso o della forma sull’autovalutazione o nega la gravità del basso peso corporeo
  • Rifiuta di avere fame
  • Sviluppa rituali alimentari come mangiare cibo in determinati ordini, masticare eccessivamente o riorganizzare il cibo su un piatto
  • Prepara i pasti per gli altri ma non mangia se stesso
  • Evita costantemente i pasti
  • Evita attività come feste di compleanno o cene che coinvolgono cibo/mangiare
  • Ritirarsi socialmente e diventare più isolati, ritirati e riservati
  • Esprime una spontaneità sociale limitata
  • Mostra preoccupazione per il mangiare in pubblico
  • Esprime la necessità di “guadagnare” o “bruciare” le calorie consumate
  • Sentendosi inefficace
  • Mostra un pensiero inflessibile e/o ha un forte bisogno di controllare tutto
  • Ha un’iniziativa e un’espressione emotiva eccessivamente limitate

I sintomi fisici includono:

  • Drastica perdita di peso
  • Reperti di laboratorio anormali (anemia, bassi livelli ormonali e tiroidei, bassi livelli di potassio, basso numero di globuli rossi, rallentamento della frequenza cardiaca)
  • Debolezza muscolare
  • Scarsa guarigione delle ferite e/o sistema immunitario ridotto
  • Si sente sempre freddo e si veste a strati per nascondere la perdita di peso o stare al caldo
  • Mani e piedi freddi e umidi o gonfiore dei piedi
  • Si lamenta di costipazione, dolore addominale, intolleranza al freddo, letargia e/o eccesso di energia
  • Mantiene un regime di allenamento eccessivo e rigido nonostante il tempo, la fatica, la malattia o l’infortunio
  • Perdita dei periodi nelle donne dopo la pubertà o irregolarità mestruali tra cui amenorrea, periodi irregolari o periodi solo durante l’assunzione di contraccettivi ormonali (questo non è considerato un periodo “vero”)
  • difficoltà di concentrazione
  • Vertigini e/o svenimento
  • Problemi di sonno
  • Tagli e calli sulla parte superiore delle nocche (risultati dell’induzione del vomito)
  • Problemi dentali, come erosione dello smalto, carie e sensibilità dei denti (da vomito)
  • Pelle secca e unghie e capelli secchi e fragili
  • Gonfiore intorno all’area delle ghiandole salivari
  • Capelli fini sul corpo (lanugine) e/o capelli radi sulla testa

Farmaci e trattamenti per l’anoressia

Trattare l’anoressia nervosa è nella migliore delle ipotesi una sfida, principalmente perché la maggior parte delle persone con il disturbo nega di avere un problema o ha così paura di ingrassare che resiste a tutti gli sforzi per aiutare.

Il trattamento ha lo scopo di riportare il paziente a un peso sano, trattare problemi emotivi come la bassa autostima, correggere schemi di pensiero distorti e sviluppare cambiamenti comportamentali a lungo termine. Questo di solito significa che i pazienti hanno bisogno di un programma di trattamento completo che includa una combinazione di metodi di trattamento farmaceutici e psicologici.

Anoressia – Interventi farmaceutici

Nei casi più gravi può essere necessario un trattamento di emergenza per l’anoressia, in cui disidratazione, malnutrizione, insufficienza renale o ritmo cardiaco irregolare possono rappresentare un rischio imminente per la vita. In questi casi, verranno prescritti farmaci per affrontare ogni singola complicanza medica.

I farmaci a lungo termine per aiutare a curare l’anoressia nervosa includono spesso antidepressivi come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Questi possono essere usati per aiutare a controllare l’ansia e la depressione associate a un disturbo alimentare. Inoltre, alcuni antidepressivi possono anche aiutare con il sonno e aiutare a stimolare l’appetito.

Anoressia – Interventi non farmaceutici

La maggior parte dell’attenzione in qualsiasi piano di trattamento per l’anoressia nervosa è sulla psicoterapia e sulla terapia nutrizionale.

La psicoterapia, chiamata anche “terapia della parola”, è una forma di consulenza individuale che si concentra sul cambiamento del pensiero (terapia cognitiva) e del comportamento (terapia comportamentale) di una persona con un disturbo alimentare. Il trattamento include tecniche pratiche per aiutare a sviluppare atteggiamenti sani riguardo al cibo e al peso, nonché approcci per cambiare il modo in cui la persona risponde a situazioni difficili. Questa terapia può anche concentrarsi sull’importanza di parlare dei sentimenti e dell’effetto che hanno sulla persona.

La consulenza nutrizionale è una strategia progettata per insegnare un approccio sano al cibo e al peso, aiutare a ripristinare i normali schemi alimentari e insegnare l’importanza della nutrizione e di una dieta equilibrata.

Ricerca e prove scientifiche per l’uso del CBD per l’anoressia

L’evidenza clinica per il cannabidiolo (CBD) come opzione di trattamento praticabile per l’anoressia nervosa è limitata, con la maggior parte degli studi incentrati sulla cannabis medica e sul THC per il trattamento della malattia.

Tuttavia, i cannabinoidi come il CBD hanno potenziali benefici per i pazienti con anoressia nervosa in quanto possono aiutare a migliorare l’umore e ridurre l’ansia e la depressione, entrambi associati all’anoressia, avendo anche la capacità di interagire con più sistemi biologici coinvolti nella fame.

Effetti simil-antidepressivi e ansiolitici del cannabidiolo: un composto chimico della Cannabis sativa

Laddove il CBD può essere particolarmente utile per l’uso nell’anoressia nervosa è nel migliorare i disturbi dell’umore associati all’anoressia, inclusa la riduzione dell’ansia. In uno studio del 2014 pubblicato su CNS and Neurological Disorders – Drug Targets, i ricercatori hanno esaminato gli studi su modelli animali utilizzando il CBD come composto simile a un ansiolitico e antidepressivo.

Hanno analizzato i dati di studi che coinvolgono modelli animali che coinvolgono una serie di esperimenti con disturbi d’ansia e depressione, inclusi protocolli di ricerca come il test di nuoto forzato (FST), elevato più labirinto (EPM) e il test di conflitto di Vogel (VCT). I risultati suggeriscono che il CBD ha mostrato effetti ansiolitici e antidepressivi nei modelli animali e che si può concludere che il CBD si mostra promettente come nuovo farmaco per il trattamento dei disturbi psichiatrici.

Cannabidiolo: una potenziale nuova alternativa per il trattamento di ansia, depressione e disturbi psicotici

In una recensione più recente del 2020 pubblicata su Biomolecules, a differenza della recensione di cui sopra, i ricercatori si sono concentrati sugli effetti ansiolitici, antidepressivi e antipsicotici del CBD riscontrati negli studi sia sugli animali che sull’uomo.

Nei roditori, i dati hanno confermato precedenti articoli di revisione in quanto i risultati suggeriscono che il CBD mostra proprietà ansiolitiche, antidepressive e antipsicotiche positive e che gli effetti dipendono dalla dose, dal ceppo, dal decorso temporale della somministrazione (acuta vs cronica) e dalla via di somministrazione .

Allo stesso modo, studi clinici preliminari supportano anche l’efficacia del CBD come agente ansiolitico, antipsicotico e antidepressivo nelle popolazioni umane, principalmente attraverso alcuni bersagli chiave, inclusi i recettori dei cannabinoidi, il recettore 5-HT1A e i fattori di neurogenesi. Ma soprattutto, il CBD ha un profilo rischio-beneficio molto più positivo rispetto ai farmaci anti-ansia e antidepressivi farmaceutici.

I neuroni POMC ipotalamici promuovono l’alimentazione indotta dai cannabinoidi

Tuttavia, i cannabinoidi come il CBD possono anche avere un beneficio più diretto per chi soffre di anoressia nervosa. In un articolo del 2015 pubblicato sul prestigioso Nature, i ricercatori hanno studiato il ruolo dei cannabinoidi e dei neuroni pro-opiomelanocortina (POMC) del tiftalamo nella promozione della sazietà.

Il recettore dei cannabinoidi 1 (CB1) ha dimostrato di essere fondamentale per la regolazione centrale dell’assunzione di cibo e il comportamento alimentare è sotto il controllo dei circuiti ipotalamici, in particolare dei neuroni e dei geni PMOC. Utilizzando i topi, i ricercatori hanno esaminato se l’alimentazione controllata da CB1 è parallela alla diminuzione dell’attività dei neuroni POMC.

Hanno scoperto che la promozione chimica dell’attività CB1 aumentava l’alimentazione, mentre l’attivazione CB1 paradossalmente promuoveva anche l’attività neuronale delle cellule POMC. Hanno anche scoperto che il gene Pomc codifica sia il peptide anoressico, l’ormone stimolante i melanociti (α-MSH), sia il peptide, la β-endorfina, e che l’attivazione di CB1 aumentava selettivamente la β-endorfina, ma non l’α-MSH – il rilascio nell’ipotalamo. Allo stesso modo, la somministrazione sistemica o ipotalamica dell’antagonista del recettore degli oppioidi, il naloxone, ha bloccato l’alimentazione acuta indotta da CB1.

I ricercatori hanno concluso che tutti questi diversi processi implicavano adattamenti mitocondriali che, quando bloccati, interrompono le risposte cellulari e l’alimentazione indotte da CB1. E che, presi insieme, i risultati rivelano un ruolo insospettato dei neuroni POMC nella promozione dell’alimentazione dei cannabinoidi.

Prove aneddotiche per l’uso del CBD per l’anoressia

Ci sono diverse storie di successo di persone che usano la cannabis per aiutare a gestire la loro anoressia nervosa. Ma quando si tratta di CBD, ci sono meno storie di successo. Indipendentemente da ciò, come indicato sopra, per la maggior parte delle persone che soffrono di un disturbo alimentare come l’anoressia, il principale beneficio riportato è che li aiuta a gestire l’ansia, ma anche il dolore associato a molte delle conseguenze fisiche che derivano dalla malattia.

CBD come trattamento complementare per l’anoressia

Mentre la ricerca suggerisce che il CBD può aiutare a ridurre i fattori psicologici che possono aiutare a ridurre alcune cause e/o sintomi sottostanti dell’anoressia nervosa, il CBD può anche aiutare ad alleviare altri sintomi che le persone con anoressia devono affrontare.

Ad esempio, come accennato, molti pazienti hanno condizioni indotte dall’anoressia come costipazione, gonfiore o nausea, perdita di massa ossea, alcolismo e abuso di droghe e difficoltà a dormire. Il CBD può aiutare ad alleviare molti di questi, compresi i problemi gastrointestinali. Allo stesso modo, è stato anche dimostrato che il CBD aiuta con i comportamenti di dipendenza e recidiva legati all’alcolismo e all’abuso di sostanze, promuovendo al contempo la crescita e la densità ossea e la densità, oltre a promuovere il sonno REM, che riduce molti disturbi del sonno.

Conclusione

Ad oggi, la ricerca sul CBD per l’anoressia nervosa è limitata. Tuttavia, il CBD ha diverse proprietà che possono aiutare direttamente a gestire molti problemi che sono fattori sottostanti o che esacerbano l’anoressia nervosa. Ad esempio, le proprietà anti-ansia e antidepressive del CBD possono aiutare a curare i disturbi dell’umore e ridurre i livelli di stress, incoraggiando un’alimentazione sana e contribuendo a migliorare l’ansia e la depressione. Se stai pensando di usare il CBD per l’anoressia nervosa, parla sempre prima con il tuo medico curante, poiché può anche monitorare il dosaggio, la gravità dei sintomi e altri parametri clinici per garantire che il tuo trattamento con CBD sia sicuro ed efficace.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo