CBD.it

Il CBD contro le dipendenze

Indholdsfortegnelse

Perché il CBD per le dipendenze è diventato un argomento di discussione? Ciò è dovuto in parte al fatto che l’olio di CBD è un prodotto promettente per il trattamento della dipendenza e per affrontare il dolore e il disagio dell’astinenza. Parliamo di come l’olio di CBD viene utilizzato per aiutare i tossicodipendenti a interrompere i cicli di dipendenza e di alcuni dei migliori oli di CBD presenti sul mercato per raggiungere questo obiettivo.

Esiste un’intera gamma di droghe con un potenziale di dipendenza che crea scompiglio nell’organismo. Gli stupefacenti, tra cui Xanax, morfina, eroina e cocaina, sono tra le droghe più abusate.

L’assunzione di farmaci dopo la dipendenza è estremamente spiacevole e in alcuni casi può costare la vita. Tutti i composti che possono contribuire ad alleviare i sintomi dell’astinenza o ad accelerare i tempi di recupero migliorano la qualità della vita dei tossicodipendenti in via di guarigione.

Analizziamo le cause più comuni di dipendenza e come il CBD può aiutare, esaminando alcuni dei migliori oli di CBD per il trattamento della dipendenza e dei sintomi di astinenza.

Cosa provoca la dipendenza?

La dipendenza è considerata un disturbo psicologico che comporta un desiderio compulsivo di fare qualcosa che ha un impatto negativo sull’organismo.

La dipendenza è un disturbo radicato in una regione speciale del cervello chiamata centro della ricompensa.

Il centro della ricompensa è responsabile della formazione delle abitudini e dello sviluppo degli istinti. È stato utile per la nostra sopravvivenza come specie, ma quando diventa disfunzionale può causare molti danni.

Ne parleremo più avanti.

I livelli disfunzionali di dopamina sono una caratteristica importante della dipendenza

Una delle caratteristiche principali della dipendenza è l’esaurimento dei livelli di dopamina.

L’intervento sulla dopamina insegna al cervello a ricercare una maggiore quantità di questa droga. Nel corso del tempo, i picchi regolari di dopamina causano una diminuzione ricorrente della capacità dell’organismo di produrre autonomamente dopamina. I consumatori diventano irrimediabilmente dipendenti dalla droga per produrre abbastanza dopamina da sentirsi “normali”. Questo vale soprattutto per droghe come l’MDMA, la cocaina o il crack, che esercitano la maggior parte dei loro effetti attraverso il sistema della dopamina.

È noto che bassi livelli di dopamina causano i seguenti sintomi:

  • Depressione
  • Scarsa concentrazione
  • Squilibrio ormonale
  • Scarsa memoria

Tipi di dipendenza e ruolo del CBD

Per discutere di come il CBD viene utilizzato per trattare la dipendenza, dobbiamo distinguere tra le diverse forme di dipendenza.

La dipendenza dipende dal centro di ricompensa del cervello.

Questa parte del cervello è responsabile del controllo del nostro desiderio di ripetere le attività. Quando mangiamo un pasto delizioso in un nuovo ristorante, il centro di ricompensa rilascia una dose di ossitocina, che ci fa sentire euforici. Il nostro cervello registra questa sensazione e ci spinge a tornare al ristorante per ordinare di nuovo quell’articolo. Questo è l’inizio della dipendenza.

Altre forme di dipendenza coinvolgono comunque questo sistema, anche se indirettamente.

La maggior parte delle droghe che provocano dipendenza ha come bersaglio un recettore specifico. Può bloccare il dolore o costringerci a uno stato di rilassamento.

Nel corso del tempo, questi farmaci causano cambiamenti nei recettori, rendendoli meno sensibili al farmaco. Se si continua così, alla fine si arriva a un punto in cui non è possibile attivare i recettori senza una stimolazione farmacologica. Se non lo prendiamo, proviamo diversi livelli di disagio.

Come il CBD può aiutare nei diversi tipi di dipendenza:

1. Dipendenza da stimolanti, dopamina e CBD

Gli stimolanti, tra cui la cocaina e il crack, sono droghe ampiamente abusate. Agiscono su un insieme di recettori della dopamina.

Queste droghe provocano un aumento del rilascio di dopamina e sono tra i composti che creano maggiore dipendenza a causa del ruolo importante che la dopamina svolge nel centro della ricompensa del cervello.

Quando il centro di ricompensa si attiva, rilascia un’ondata di ossitocina dall’ipotalamo, facendoci sentire immediatamente euforici.

Questo sistema è progettato per farci ripetere attività o schemi che ci sono utili.

Nel caso delle droghe stimolanti, come la cocaina, questo sistema viene stimolato sinteticamente, inducendoci a ripetere il processo per ottenere un’altra dose di ossitocina.

Il CBD è particolarmente indicato per trattare le dipendenze legate alla dopamina, pur continuando a usare i farmaci. Questo perché il CBD limita il rilascio di dopamina dai gangli basali, dove viene prodotta[1].

Gli stimolanti comuni che creano dipendenza includono:

  • Cocaina
  • Cocaina crack
  • Modafinil
  • Adderall
  • Vyvanse
  • Ritalin

CBD e dipendenza da stimolanti

Il principale beneficio del CBD sulla dipendenza da stimolanti è rappresentato dai suoi effetti sulla dopamina.

Il CBD è molto complesso e interagisce con una serie di altri sistemi di organi del corpo collegati attraverso il sistema nervoso. È stato dimostrato che media l’inibizione della dopamina nei gangli basali.

Ciò significa che il CBD è coinvolto nella regolazione dei livelli ottimali di dopamina, bloccandone il rilascio quando i livelli di dopamina sono troppo elevati. Altri studi hanno osservato l’effetto inibitorio del CBD sul rilascio di dopamina negli animali.

È utile per la dipendenza perché rallenta il rilascio di dopamina mentre è sotto l’effetto della droga.

Ciò significa che per ottenere il massimo dal CBD, è necessario iniziare ad assumerlo quando si è sospeso il trattamento farmacologico.

Il CBD riduce gli sbalzi di dopamina, rendendo gli effetti della droga meno gravi e aiutando a liberarsi gradualmente dalla morsa della dipendenza di queste sostanze.

Per riuscirci, è indispensabile sottoporsi a un programma di disintossicazione o di riabilitazione. Il CBD aiuterà a limitare il desiderio di assumere il farmaco, ma non sarà sufficiente a risolvere la dipendenza sottostante.

2. Dipendenza da oppioidi e CBD

Gli oppioidi sono i farmaci più comunemente abusati.

Gli oppioidi agiscono attivando un recettore nel midollo spinale e nel cervello che serve ad attenuare la trasmissione del dolore. È facile diventare dipendenti dagli oppioidi perché nascono con buone intenzioni, ovvero per alleviare il dolore.

Il segnale del dolore risale il nervo e raggiunge il midollo spinale. Qui il messaggio viene trasmesso attraverso una porta speciale.

Si può pensare alla sicurezza delle frontiere quando si entra in un nuovo Paese.

È necessario inviare prima i documenti affinché la sicurezza li esamini. Se qualcosa non corrisponde, o se ci sono già troppe persone che attraversano il confine, vi verrà rifiutato l’ingresso.

Lo stesso concetto si applica ai recettori degli oppioidi. Misurano la quantità di trasmissione del dolore e la bloccano quando diventa eccessiva.

Assumere un oppioide è come costruire un muro gigante attraverso il confine. Blocca ogni flusso di traffico – nessuno può entrare o uscire, impedendo che la trasmissione del dolore arrivi al cervello.

Per funzionare correttamente, abbiamo bisogno di un certo flusso di traffico. Con il tempo, la sorveglianza delle frontiere diventa pigra. Se il muro dovesse mai fallire (si perde una dose di farmaco), chiunque e tutti si precipiteranno oltre il confine. Le guardie non sono più abbastanza abili per fermarli e provocano un dolore enorme.

Sintomi di astinenza da oppioidi:

  • Dolore grave e diffuso
  • Incapacità di regolare la temperatura
  • Bassa energia
  • Irritabilità
  • Ansia
  • Agitazione
  • Insonnia
  • Rinite (naso che cola)
  • Occhi stanchi
  • Dare costantemente
  • Dolori muscolari
  • Crampi all’addome
  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea

Per eliminare la dipendenza da oppioidi, è necessario interrompere lentamente la somministrazione del farmaco e lasciare che i recettori degli oppioidi riacquistino la loro normale funzione.

Utilizzando l’esempio di prima, sarebbe come assumere nuove guardie di frontiera e dedicare qualche settimana alla formazione del loro lavoro.

Il CBD contro la dipendenza da oppioidi

Il CBD offre benefici unici nella gestione dei sintomi della dipendenza da oppioidi perché modula indirettamente la funzione dei recettori degli oppioidi.

Questo ripristina i livelli ottimali dei recettori degli oppioidi e ci aiuta a recuperare più velocemente.

Usando la stessa analogia di prima, la CBD sarebbe come assumere un addestratore professionale per la sicurezza delle frontiere per addestrare le nuove reclute in un periodo di tempo più breve.

Per ottenere il massimo dal CBD in questo tipo di dipendenza, è necessario assumerlo durante lo svezzamento dai farmaci e poi per diverse settimane mentre si subiscono gli effetti dell’astinenza.

3. Dipendenza da benzodiazepine e CBD

L’alcol e le benzodiazepine sono molto diversi, ma agiscono attraverso l’azione del neurotrasmettitore GABA.

Le benzodiazepine si legano al recettore GABA, che serve ad amplificare l’effetto del GABA stesso.

Il GABA agisce come un pedale del freno per il sistema nervoso.

Rallenta l’iperattività del sistema nervoso. Quando i nervi si sovraeccitano a causa dello stress, dell’ansia o dell’uso di droghe, il sistema nervoso deve tirare il freno per rilassarsi.

Questo sistema è necessario anche per avviare il sonno.

Le benzodiazepine sono utilizzate principalmente per ridurre l’ansia e indurre il sonno.

Come altre droghe, quando le assumiamo in grandi quantità e per lungo tempo, causano l’impigrimento dei recettori.

Una volta formatasi la dipendenza, non siamo in grado di attivare il GABA in assenza di farmaci e di sintomi di astinenza.

Sintomi di astinenza da benzodiazepine:

  • Irritabilità e irrequietezza (acatisia)
  • Ansia
  • Visione offuscata
  • Banca del cuore
  • Depressione
  • Apprendisti estesi
  • Vertigini
  • Bocca secca
  • Pressione sanguigna elevata
  • Stanchezza
  • Nausea
  • Diarrea
  • Mal di testa
  • Insonnia
  • Aumento della frequenza delle urine
  • Memoria e concentrazione ridotte
  • Perdita di appetito
  • Perdita di peso
  • Spasmi muscolari
  • Incubo
  • Disturbo ossessivo-compulsivo
  • Paranoia
  • Sindrome delle gambe senza riposo
  • Ronzio nelle orecchie (acufene)
  • Disturbi visivi

I sintomi di astinenza da benzodiazepine possono durare anni. Per allontanare i tossicodipendenti dalla droga, è importante disporre di opzioni terapeutiche efficaci che rendano l’astinenza tollerabile per chi ne soffre.

Il CBD è utile per le persone in astinenza da benzodiazepine per diversi motivi.

Il CBD contro la dipendenza da benzodiazepine

Il CBD è utile per la dipendenza da benzodiazepine, impedendo la ricaptazione e la distruzione del GABA.

Il CBD inibisce il riassorbimento del GABA, consentendogli di esercitare i suoi benefici per un periodo più lungo. È utile per combattere gli effetti negativi della dipendenza da benzodiazepine, aumentando le concentrazioni complessive di GABA nel cervello.

Come per altri tipi di tossicodipendenza, è importante utilizzare il CBD insieme ad altri trattamenti per le dipendenze.

Per una maggiore efficacia sono necessari cambiamenti di mentalità, uno svezzamento graduale dal farmaco e un supporto sintomatico per l’astinenza.

Il CBD favorisce semplicemente questo processo e ci aiuta a tornare rapidamente a uno stato normale e non dipendente.

Trovare la giusta quantità di CBD da utilizzare comporta qualche prova ed errore.

A seconda della gravità della dipendenza e della sensibilità dell’individuo, può essere necessario molto (45 mg) o poco (4 mg) CBD al giorno. Ciao.

Per la dipendenza da antidolorifici in combinazione con il dolore cronico, è probabile che sia necessaria una dose più elevata.

Anche le benzodiazepine necessitano probabilmente di una dose maggiore per essere efficaci.

Per la dipendenza da stimolanti come la cocaina o l’MDMA, molti utenti trovano più efficaci dosi dell’ordine di 20 mg.

Qualunque sia il motivo per cui si usa il CBD, il modo migliore per iniziare è usare una piccola dose (4 mg) e aumentare ogni giorno con 4 mg fino a ottenere i risultati desiderati.

Uno schema di dosaggio potrebbe essere il seguente:

Giorno 1Giorno 2Giorno 3Giorno 4Giorno 5Giorno 6
4 mg/giorno8 mg/giorno12 mg/giorno16 mg/giorno16 mg/giorno16 mg/giorno

Per ulteriori informazioni sul dosaggio corretto del CBD, è possibile consultare la nostra Guida al dosaggio del CBD.

Con quale frequenza devo assumere il CBD?

L’astinenza da farmaci può durare da una settimana (stimolanti) a un mese (oppiacei), fino a qualche mese (oppiacei e benzodiazepine).

Per ottenere i massimi benefici, il CBD deve essere assunto durante tutto il processo, indipendentemente dalla durata.

La maggior parte delle persone inizia a prendere il CBD una o due settimane prima di smettere e continua a usarlo per tutto il processo.

Il CBD è sicuro e non ci sono ancora studi che suggeriscano che l’uso a lungo termine sia dannoso per la nostra salute.

Trattamento con CBD per le dipendenze

Il principale beneficio del CBD nel trattamento delle dipendenze è la sua capacità di aiutarci a tornare all’equilibrio (omeostasi).

Mentre la disintossicazione da droghe, o l’eliminazione graduale della dipendenza, comporta l’intero processo di ritorno all’equilibrio. La cosa spiacevole è che, fino a quando non si raggiungerà questo obiettivo, sarà molto scomodo.

Il CBD aiuterà ad accelerare il processo e ad alleviare parte del dolore e del disagio, ma si baserà su molti altri fattori, tra cui la disciplina e un’alimentazione e dei consigli adeguati.

Conclusione: il CBD contro la dipendenza

Il CBD riporta il nostro corpo all’omeostasi ottimale migliorando la capacità dei nervi di comunicare tra loro.

Quando siamo dipendenti dalle droghe, possiamo sviluppare disfunzioni nel centro della ricompensa del cervello e in altre disfunzioni specifiche dei recettori (come i recettori GABA o oppioidi).

Il CBD rappresenta un ottimo trattamento per aiutare il processo di dipendenza e per gestire gli spiacevoli sintomi di astinenza.

Per ottenere i migliori risultati, cercate un estratto di canapa a spettro completo, con un basso contenuto di THC, un alto contenuto di CBD e una composizione fitochimica completa.

Del:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Den Bedste CBD Olie

Køb 2, Betal For 1

Relaterede Artikler

CBD contro la cinetosi

La cinetosi è la rovina del viaggio. In studi recenti è stato dimostrato che il CBD per la cinetosi migliora i sintomi della cinetosi. Come

CBD contro la nausea

La cannabis contiene una serie di composti chiamati cannabinoidi. Uno di questi composti si chiama cannabidiolo (CBD). Una nuova ricerca suggerisce che il CBD può

CBD contro l’acne

Da migliaia di anni le persone utilizzano trattamenti naturali per promuovere una pelle bella e sana. Un’opzione che sta crescendo in popolarità è il cannabidiolo